giovedì 2 febbraio 2012


Stupro di gruppo, no all'obbligo del carcere


Lo ha stabilito la suprema Corte, estendendo una pronuncia della Consulta del 2010Nelle violenze sessuali del "branco", possibile applicare misure cautelari alternative


Una così bella donna, Italia, stuprata, violentata e derubata  una classe dirigente in uno stupro di gruppo che persiste negli ultimi vent'anni, non merita nessun tipo di tutela e di Giustizia.


Carnefici, carnivori e carneadi di tutto il mondo, un appello a tutti voi, unitevi e venite a visitare il paese dell'Impunità, dove ogni violenza fisica e/o morale è giustificata e ovviamente non viene perseguita a norma di legge.




Plis, visit itali, art, countrisaid, sisaid, and plis visit auar cauntri, ui uill uelcom iu, and ui ar eppi if iu.............  will fuck us









Nessun commento:

Posta un commento

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Declino ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti.
Questo Blog non ha alcun scopo di lucro.

le mie visite